1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 

Contatti

Rilascio Autorizzazioni
Pubblicità permanente
Polizia Locale
Pubblicità temporanea
Concessionario ABACO SpA

Pagamento del canone
ABACO S.p.A.
Dove rivolgersi
Via Fausta 79/B, località Ca' Savio (presso SASA Assicurazioni)
Orario
lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 9 alle 12.30; mercoledì e giovedì dalle 14 alle 17
Telefono
041 5304021
Fax
041 5304021
Email
info@abacospa.it

 
Contenuto della pagina

CIMP - Canone Installazione Mezzi Pubblicitari

  1. Descrizione del servizio
  2. Suddivisione del territorio e durata
  3. Tariffe
  4. Come ottenere le autorizzazioni
  5. Installazioni Abusive
 
 

Descrizione del servizio

Il Canone Installazione Mezzi Pubblicitari (CIMP) è un canone in base a tariffa dovuto per l’esposizione di forme pubblicitarie nel territorio comunale. In particolare, sono soggette al pagamento del canone le iniziative pubblicitarie che incidono sull'arredo urbano e sull'ambiente. Il canone è disciplinato dal Comune con proprio Regolamento sulla base dei criteri stabiliti dall'art. 62 D.Lgs. n. 446 del 15 dicembre 1997.

Torna a inizio pagina.
 

Suddivisione del territorio e durata

Al fine di poter determinare il canone, il territorio comunale è suddiviso in due categorie individuate in base all’importanza, alla centralità, all’intensità abitativa, al flusso turistico, alle presenze commerciali, alla densità di traffico veicolare e pedonale.
Precisamente: 

  • categoria speciale (denominata ordinaria 1^ fino al 31 dicembre 2004): area compresa tra il mare e la via Fausta (Strada Provinciale 42) oltrepassata verso la laguna da una fascia di 50 metri che include anche i centri urbani di Treporti, Ca' Savio, Cavallino, Ca' Ballarin, Ca' Vio e Ca' Pasquali, Lio Grando, Faro Valle Dolce, Ca' di Valle, gli ambiti dei terminals di Punta Sabbioni e di Ricevitoria di Treporti;
  • categoria normale (denominata ridotta 2^ fino al 31 dicembre  2004): area non compresa nella delimitazione della categoria ordinaria.
 

Le forme pubblicitarie possono essere:

  • permanenti: realizzate con carattere di stabilità con durata superiore a duecentosettanta giorni per anno solare; il titolo autorizzativo ha di norma validità triennale e alla scadenza ne è ammesso il rinnovo;
  • stagionali: in relazione a mezzi pubblicitari che vengono installati in un periodo infrannuale, compreso tra centoventi giorni e duecentosettantagiorni;
  • temporanee: di breve durata, secondo la caratteristica propria di ciascuna tipologia, comunque inferiore a centoventi (120) giorni. Oltre il centoventesimo giorno non sono ammessi né la proroga, né il rinnovo, quando ai sensi del Regolamento Edilizio e delle norme attuative della pianificazione urbanistica i mezzi pubblicitari siano sottoposti ad autorizzazione paesaggistica.
Torna a inizio pagina.
 

Tariffe

Il costo varia a seconda della richiesta.
La tariffa specifica viene calcolata dal concessionario incaricato alla riscossione.

Torna a inizio pagina.
 

Come ottenere le autorizzazioni

Le autorizzazioni permanenti e stagionali devono essere richieste allo Sportello Unico Attività Produttive. L'organo competente al rilascio dell'autorizzazione è il Comando di Polizia Locale.
Per maggiori informazioni è possibile visitare la pagina web dedicata al seguente link

 

Le autorizzazioni per le installazioni temporanee e per i volantinaggi vanno richieste al concessionario della riscossione tributi ABACO S.p.A., utilizzando il seguente modello:


Torna a inizio pagina.
 

Installazioni Abusive

Le forme pubblicitarie realizzate senza la preventiva autorizzazione/concessione o difformi dalla stessa sono soggette:

  • al versamento del canone nella stessa misura dovuta per le forme autorizzate;
  • ad una sanzione amministrativa pecuniaria pari al 200% del canone non versato. Tale sanzione è ridotta alla metà qualora il pagamento venga effettuato entro 30 giorni dalla notifica dalla notifica dell’atto di accertamento;
  • ad una sanzione accessoria dell’obbligo di rimozione ed immediata copertura della pubblicità mediante contestuale processo verbale di contestazione redatto da competente pubblico ufficiale, addebitando al responsabile le spese sostenute;
  • ad eventuali sanzioni amministrative pecuniarie di cui agli articoli 20 e 23 del D. Lgs. n. 285 del 30 aprile 1992 e successive modifiche ed integrazioni (Codice della Strada).

Si precisa che, qualora le forme pubblicitarie abusive non siano assoggettabili al canone, verrà applicata la sanzione pecuniaria prevista dalla L. n. 3 del 16 gennaio 2003 prevista nel limite da 25 euro a 500 euro.

La pubblicità abusiva si presume effettuata:

  • per le fattispecie permanenti, dal primo gennaio dell’anno in cui viene accertata, salvo diverso periodo dichiarato e dimostrato dal soggetto passivo e comunque non inferiore a quello previsto per la pubblicità temporanea;
  • per le fattispecie temporanee, ad eccezione delle locandine, dal trentesimo giorno antecedente la data in cui è stato effettuato il verbale di accertamento;
  • per le locandine, dal trentesimo giorno antecedente la data in cui è stato effettuato il verbale di accertamento fino alla scadenza della manifestazione o dell'evento pubblicizzato per un numero di locandine presunto comunque non inferiore a trenta.
Torna a inizio pagina.
 
 
Ultima Modifica: 18/05/2018