1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 

Contatti

Dirigente
Dott. Dino Daniele Bonato

Responsabile
Dott. Davide Vallese

Dove rivolgersi
Sportello Unico Attività Produttive e Demanio
Piazza Papa Giovanni Paolo II n. 3

Orario
Martedì dalle 15 alle 17; Venerdì dalle 9 alle 12
Il Responsabile riceve solo su appuntamento, da richiedere all'indirizzo davide.vallese@comunecavallinotreporti.it

Telefono
041 2909778 Demanio e Trasporti - referente Davide Vallese
041 2909794 Mercati e Commercio fisso - referente Mariarosa Noè
041 2909776 Somministrazione ed attività artigiane - referente Stefano Cappi

Fax
041 2909738

Email
commercio@comunecavallinotreporti.it  
demanio@comunecavallinotreporti.it



 
Contenuto della pagina

Programma di controllo della diffusione delle nutrie

  1. Descrizione del servizio
  2. Requisiti del richiedente
  3. Modalità di adesione
  4. Documentazione da presentare
  5. Scadenze e Validità
  6. Smaltimento delle carcasse
  7. Normativa di Riferimento
  8. Programma di controllo della diffusione della nutria
 
 

Descrizione del servizio

Il Comune di Cavallino Treporti si è dotato di un Programma di controllo della diffusione delle nutrie.
Le nutrie sono roditori invasivi, privi di naturali predatori, e tendono a proliferare e diffondersi, particolarmente nelle zone pianeggianti e ricche di corsi d'acqua. Esse costituiscono un problema per le specie originarie dei nostri luoghi, ma anche per le attività umane: per i raccolti in agricoltura, per la tenuta degli argini e delle strade, per la circolazione stradale.
Per le specie invasive come le nutrie, al pari di topi, ratti e arvicole, le politiche globali, comunitarie e nazionali impongono obbiettivi di eradicazione e contenimento. Le nutrie non appartengono a specie oggetto di tutela.
Il controllo della diffusione avviene attraverso l'uso di apposite trappole metalliche e successiva soppressione.
                                                                     

Torna a inizio Pagina.
 

Requisiti del richiedente

Per l'uso delle trappole è necessaria l'adesione al Programma di controllo della diffusione delle nutrie approvato dal Comune.
Le trappole possono essere installate da chiunque ne abbia bisogno, senza necessità di essere agricoltori professionali o cacciatori.
La soppressione della nutria, una volta intrappolata, deve essere fatta nel più breve tempo possibile, senza causare sofferenze all'animale. Il richiedente dovrà essere dotato di un'arma di libera vendita ad aria compressa (potenza prossima ma non superiore a 7,5 Joule) o di altra arma, legalmente detenuta.


Torna a inizio Pagina.
 

Modalità di adesione

L'adesione al Piano viene fatta attraverso la modulistica approvata dal Comune, che serve a censire le trappole diffuse sul territorio comunale.
Il modulo può essere trasmesso con tutte le consuete modalità: fax, lettera raccomandata, e-mail, PEC, consegna a mani all'Ufficio Protocollo.
Il richiedente, attraverso l'adesione, comunica di essere a conoscenza dei contenuti del Programma di controllo.


Torna a inizio Pagina.
 

Documentazione da presentare

La modulistica può essere scaricata qui   

 
Torna a inizio Pagina.
 

Scadenze e Validità

La comunicazione di adesione ha validità triennale, al pari di quella prevista per il Programma di controllo della diffusione delle nutrie.
L'adesione al Programma di controllo potrà avvenire in qualsiasi momento del triennio 2016-2018.

 

Torna a inizio Pagina.
 

Smaltimento delle carcasse

I capi abbattuti occasionalmente possono essere sotterrati nel fondo in cui sono stati catturati, ad una profondità di 50 cm circa, nella misura massima di 5 capi o 20 kg per ettaro all'anno, ad una distanza di almeno 250 metri da fonti, pozzi o sorgenti; 30 metri dai corsi d'acqua principali e 10 metri da quelli secondari, come canali e fossi. Sopra la fossa andrà posizionata una rete metallica a maglie larghe, per almeno 30 giorni, per evitare che altri animali vadano a dissotterrare la carcassa.
In caso di abbattimenti più frequenti, le carcasse andranno smaltite, a cura e spese di chi le ha catturate e soppresse, in discarica autorizzata, o con termodistruzione, o in impianti di compostaggio e biogas.
L'uso di veleni e rodenticidi è vietato.

Torna a inizio Pagina.
 

Normativa di Riferimento

 

Programma di controllo della diffusione della nutria

 
Torna a inizio Pagina.
 
Ultima Modifica: 22/04/2016