1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Contenuto della pagina

IL PATENTINO DELL’OSPITALITÀ: QUANDO LA FORMAZIONE FA LA DIFFERENZA


brochure patentino ospitalità

IL PATENTINO DELL’OSPITALITÀ: QUANDO LA FORMAZIONE FA LA DIFFERENZA

Cavallino-Treporti, 12 novembre 2018
 
COMUNICATO STAMPA
IL PATENTINO DELL’OSPITALITÀ: QUANDO LA FORMAZIONE FA LA DIFFERENZA
A Cavallino-Treporti si avvia la quarta edizione per il progetto di formazione gratuita rivolto a tutti

Con oltre 60 appuntamenti in 5 mesi e docenti di alto livello lunedì 26 novembre riparte il Patentino dell’Ospitalità promosso dall’amministrazione Nesto.
Il progetto è un incubatore di risorse, una possibilità di conoscere o riscoprire il territorio di Cavallino-Treporti, un momento di incontro e confronto.
La quarta edizione del “Laboratorio permanente” raccoglie una serie di corsi e seminari gratuiti rivolti alla cittadinanza con l’obiettivo di approfondire temi culturali o legati al mondo professionale.
Tre le macro-aree di approfondimento (informatica, comunicazione e social; ambientale e storica; linguistica) il Comune propone: 10 seminari generali che introducono i grandi temi e hanno lo scopo di creare uno spazio di confronto e di riflessione comune; 35 corsi per specifiche materie finalizzati all’accrescimento delle competenze personali e/o anche dell’aggiornamento professionale; 8 uscite didattiche sul territorio.
«Il Patentino dell’Ospitalità è un progetto unico che in tre anni ha raccolto oltre 1000 iscritti, 750 dei quali si sono “patentati”, ovvero hanno completato e raggiunto un preciso percorso di formazione. In ogni edizione abbiamo puntato ad arricchire la conoscenza e la formazione con novità, nuove e importanti collaborazioni e con docenti qualificati e di alto livello – spiega Angela Lazzarini, consigliera comunale responsabile del progetto -. Il Patentino è nato nel 2015 dall’esigenza di creare un “laboratorio formativo” per i giovani legato alla preparazione professionale in ambito turistico. Con il tempo si è evoluto ed è diventato un incubatore di seminari e corsi rivolto a tutte le età con un ventaglio di proposte che spaziano dalla cultura al territorio, dal turismo ai social, dalla storia all’innovazione».
Grazie a questo importante progetto, l’amministrazione Nesto vuole valorizzare quanto Cavallino-Treporti offre in termini di risorse umane e in materia di turismo, ambiente e storia locali, collaborando nell’attività di docenza con importanti Enti quali CISET - Ca’ Foscari (Centro Internazionale di Studi sull’Economia Turistica), l’EBT (Ente Bilaterale Turismo Provincia di Venezia), il Parco Turistico di Cavallino-Treporti, e personalità e docenti esperti delle tematiche proposte.
«Il Patentino è un progetto unico sul quale l’amministrazione sta puntando molto e che unisce la cultura e la formazione alle nuove esperienze, ma soprattutto crea occasione di incontro e confronto soprattutto per i giovani – dice la sindaco Roberta Nesto -. I dati confermano la valenza e l’importanza del progetto che abbiamo avviato e che porteremo avanti anche in futuro perché siamo orgogliosi che la nostra comunità e i nostri giovani abbiamo colto l’opportunità che stiamo offrendo al territorio». 
Infatti il 60% di coloro che hanno partecipato al Patentino nel 2015 hanno continuato il loro percorso formativo anche gli anni successivi. Il 50% dei datori di lavoro considera la partecipazione un valore aggiunto in termini di preparazione e formazione. Il 15% dei giovani partecipanti ha trovato una nuova opportunità di occupazione.
A sottolineare la valenza del progetto e come raccolga temi culturali legati anche al turismo, l’economia trainante di Cavallino-Treporti, è il consigliere Alberto Ballarin che sta seguendo le iniziative della cultura: «Il turismo sta puntando sempre più ai servizi di qualità e non può prescindere dall’importanza della cultura. È necessaria quindi un’integrazione formativa e culturale che dia una marcia in più alle figure professionali del turismo. Integrazione non significa semplice incremento della qualità ma significa sintesi sinergica delle capacità attrattive di un luogo turistico come Cavallino-Treporti. La cultura quindi non è una peculiarità della persona ma parte integrante di figure professionali e di una buona cittadinanza».
Il Patentino dell’Ospitalità apre oggi le iscrizioni online http://www.comune.cavallinotreporti.ve.it/In allegato il programma completo con la descrizione di tutta la proposta formativa.






 
 
Ultima Modifica: 22/11/2018