1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Contenuto della pagina

RIPARTE L’AVVENTURA DI “DESTINAZIONE TEATRO” A CAVALLINO-TREPORTI


locandina teatro 2018

RIPARTE L’AVVENTURA DI “DESTINAZIONE TEATRO” A CAVALLINO-TREPORTI

Cavallino-Treporti, 28 novembre 2018
 
COMUNICATO STAMPA
RIPARTE L’AVVENTURA DI “DESTINAZIONE TEATRO” A CAVALLINO-TREPORTI
Al via la nuova avventura “Destinazione Teatro”, la rassegna teatrale di Cavallino-Treporti giunta al quarto anno promossa dal Comune in collaborazione con Pantakin ed Arteven in collaborazioni con grandi attori dello spettacolo. 
Dal 1. dicembre 2018 al 24 marzo 2019 la Sala Teatro del Comune (p.zza Papa Giovanni Paolo II – Ca’ Savio) ospiterà una ricca rassegna: accanto alla proposta serale con cinque rappresentazioni come di consuetudine è stata pensata una rassegna per i più giovani, con tre appuntamenti domenicali dedicati alle famiglie, e due appuntamenti mattutini del teatro per la scuola. 
«Manteniamo come amministrazione l’ampia offerta teatrale nella convinzione del profondo significato culturale di questa arte scenica dal vivo con un occhio di riguardo anche a spettacoli leggeri e divertenti ma che nel contempo portano con sé la qualità dello stare a teatro – dicono Roberta Nesto, sindaco di Cavallino-Treporti e Dora Berton, assessore alla cultura -. Un ringraziamento ad Arteven e Pantakin per la consueta disponibilità e collaborazione nel confezionare rassegne rimarchevoli e che portano ospiti prestigiosi sul palcoscenico di Cavallino Treporti».
«Per promuovere la nostra rassegna abbiamo chiesto la collaborazione di chi in questi anni ha viaggiato insieme a noi e anche di coloro che hanno promesso di farlo insieme a noi in questa nuova avventura – aggiunge Emanuele Pasqualini, direttore artistico di Pantakin -.  Un viaggio verso mondi futuri con Paolo Hendel, alla ricerca di una pace interiore con Marco e Pippo, l’unico duo che è un trio, accompagnati dal ritmo “antico” de Las Palabras del Baile del gruppo Flamenco Lunares, per atterrare, dopo una pausa nella sgangherata cucina dei 3Chefs, sulle tavole del palcoscenico di commedia dove ci attende il più esilarante dei drammi di Shakespeare “Romeo e Giulietta, l’amore è saltimbanco” con la compagnia Stivalaccio Teatro. Aspettiamo ragazzi e famiglie per imparare a volare con la Gabbianella, a cucinare con L’omino del Pane e l’omino della Mela e per conoscere meglio il teatro: preparatevi ad imparare l’abecedario del Teatro con ABC del Teatro. Infine, due appuntamenti con il teatro dell’obbligo che ritorna quest’anno con un lavoro dedicato al 500° anniversario dalla morte di Leonardo da Vinci e un omaggio in forma di reading a Gino Bartali, uomo “giusto tra i giusti” prima ancora che grande sportivo. Che la fantasia e il divertimento vi accompagnino per tutta la stagione».

Destinazione Teatro, gli spettacoli serali
Sabato 1 dicembre ore 21.00 Paolo Hendel presenta “Fuga da via Pigafetta”, scritto da Paolo Hendel con Gioele Dix e Marco Vicari. Protagonisti Paolo Hendel e Matilde Pietrangelo. Regia di Gioele Dix
Fuga da via Pigafetta, nato dall’idea di raccontare una storia ambientata in un futuro non apocalittico, è uno spettacolo che coniuga felicemente l’ironia feroce sul degrado del presente con i toni appassionati di una commedia di sentimenti. In scena con la giovane Matilde Pietrangelo, Paolo Hendel interpreta un uomo che vive da solo in un appartamento gestito da un sofisticato sistema operativo, che pianifica la sua esistenza e lo protegge dal mondo circostante e dove le sue giornate sono punteggiate da continui ed esilaranti litigi con il computer. Polemico e nostalgico, l’uomo ha ridotto al minimo le proprie relazioni umane, convinto che l’unica forma di sopravvivenza sia l’isolamento. Ma in questo scenario in apparente equilibrio, irrompe con forza una figlia, trascurata e messa da parte troppo in fretta. L’incontro provoca nell’uomo un’imprevista altalena emotiva che lo costringerà, fra brucianti conflitti e inattese tenerezze, a ribaltare le proprie priorità. E sarà il sogno di un lungo viaggio da fare insieme verso un pianeta lontano a restituire ad entrambi il desiderio di scommettere sul proprio destino, senza risentimenti né paure.
Sabato 19 gennaio ore 21.00 Marco e Pippo, l’unico duo che è un trio presentano “Assai in pace” di e con Marco Zuin, Filippo Borille, Gaetano Ruocco Guadagno. Regia di Enrico Lando
Marco e Pippo, l’unico duo che è un trio da tredici anni fanno ridere il pubblico con i loro spettacoli di teatro cabaret in cui lingua italiana e dialetto veneto si mischiano creando un nuovo affascinante linguaggio comico! “Assai in pace” è l’ultimo divertente esempio di questo nuovo linguaggio… Hai letto bene il titolo? Bene. Ora rileggilo. “Assai in pace”. Fallo un’altra volta. “Assai in pace”. Molto bene, ora hai certamente capito! È un gioco di parole, una frase doppia, un calembour polisemico, in dialetto significa una cosa, in italiano un’altra… ma di cosa parlerà questo spettacolo?!? Marco, Pippo, Gaetano e i loro personaggi ci porteranno in un viaggio comico nel nostro territorio veneto, pieno di bellezze e di contraddizioni, di punti di vista diversi, strani e distorti sulla realtà che viviamo ogni giorno. Ma in questo grande caos, un’unica certezza: tutti gli individui di questo mondo vorrebbero essere “Assai in pace”!
Sabato 16 febbraio ore 21.00 Flamenco Lunares e Carmen Meloni presentano “Las palabras del Baile”. Regia e coreografie di Carmen Meloni, una produzione Compagnia Naturalis Labor/Flamenco Lunares.
La danza parla al mondo primitivo che è in ognuno di noi, il ritmo raggiunge il nucleo “antico”, sopito dal malessere quotidiano. Danzare è il modo più arcaico per esprimere noi stessi, ritrovando il corpo originario che vuole parlare. Così il flamenco diventa un linguaggio universale perché unisce armonia e movimento del corpo al ritmo incessante dei piedi. Lo spettacolo propone un viaggio a tutto tondo attraverso tutti i significati e codici del flamenco, non solo da un punto di vista estetico ma soprattutto come espressione di vita, sentimenti ed emozioni contrastanti. Uno spettacolo dove le sfumature dell’anima si fondono, si allontanano per poi ritrovarsi in un finale dove tutto si concilia, consentendo alla voce del corpo la piena libertà di espressione.
Venerdì 1 marzo ore 21.00 3Chefs presentano “Trio comedy clown”. Di e con Claudio Cremonesi, Stefano Locati, Alessandro Vallin regia di Rita Pelusio.
Dopo essere stati i clown protagonisti dello spettacolo di MilanoExpo2015, prodotto dal Cirque du Soleil, “Alla vita!”, Claudio, Stefano e Alessandro creano i 3Chefs. Lo Chef, questo nuovo eroe che si muove tra padelle e fornelli in una battaglia perenne alla ricerca del gusto sublime, si triplica e i nostri 3Chefs si lanciano nell’impresa di creare ricette di divertimento uniche, capaci di mandare in estasi il palato, di far sentire il karma del gusto, di far cantare di gioia le papille gustative. Lo spettacolo è un susseguirsi di numeri comici legati al mondo della cucina e dell’arte culinaria: giocoleria con mestoli, vassoi acrobatici, musica dal vivo con pentole e cucchiai, tutto condito con un teatro fisico all’ennesima potenza, in un rapporto diretto con il pubblico... da leccarsi i baffi!
Giovedì 21 marzo ore 21.00 Stivalaccio Teatro presenta “Romeo e Giulietta. L’amore è saltimbanco” con Anna De Franceschi, Michele Mori, Marco Zoppello. Soggetto originale e regia di Marco Zoppello.
Girolamo Salimbeni e Giulio Pasquati, sopravvissuti all’inquisizione, ripiegano sul poco onorifico mestiere dei saltimbanco... ma finalmente giunge, inaspettata, l’occasione per riscattarsi. Recitare per Enrico III, futuro Re di Francia, nientemeno che la più grande e tragica storia d’amore di tutti i tempi: Romeo e Giulietta. Ed ecco comparire nel campiello Veronica Franco, “honorata cortigiana” della Repubblica, disposta a cimentarsi nell’improbabile parte dell’illibata giovinetta. Si assiste dunque ad una “prova aperta”, dove la celeberrima storia del Bardo prende forma e si deforma nel mescolarsi di trame, di dialetti, canti, improvvisazioni, suoni, duelli e pantomime in un crescendo di “drammatica” inesauribile comicità.
Destinazione Teatro, gli spettacoli domenicali
Domenica 10 febbraio ore 16.00 I fratelli Caproni presentano “L’omino del pane e l’omino della mela”. Ideato, scritto, diretto e interpretato da Alessandro Larocca e Andrea Ruberti. Musiche di Gipo Gurrado.
Due mezzi cuochi e mezzi clown, creatori di storie fantasiose e di ricette, hanno deciso di preparare un lauto pranzetto a tutti i bambini e di spiegare loro i segreti dei cibi più buoni e della loro realizzazione. Ma uno dei due, molto sbadato, ha comprato solo una pagnotta e una mela… Come faranno i nostri cuochi a preparare un pasto per tutti? Così, tra una ricetta un po’ speciale e divertentissimi numeri di clownerie, i due iniziano un viaggio fantasioso all’interno dei cibi, fino ad entrare nel pane dove incontrano un buffo omino - l’Omino del pane appunto - che abita nella pagnotta e che non vuole saperne di farsi affettare. Tra gag e pantomime, musiche divertenti e interazioni con il piccolo pubblico, i due cuochiclown scopriranno che questi magici omini abitano anche nelle mele, nelle banane, in tutti i frutti e in tutti i cibi più strani.
Domenica 24 febbraio ore 16.00 Ullallà Teatro presenta “Storia di una gabbianella e di un gatto” da L. Sepùlveda. Con S. Todesco, P. Gentile, A. Graziani, F. Foscarini, S. Questorio/M. D’Agostin. Regia, coreografia, video di Stefano Questorio.
Zorba è un gatto del porto, una specie di bullo stimato per il suo coraggio e amato dalle più belle gatte di Amburgo ma… ora si trova di fronte ad un bel grattacapo: una gabbiana morente depone un uovo proprio sul terrazzo dove lui è appisolato, e gli ruba la promessa di prendersi cura dell’uovo e del piccolo che nascerà per insegnargli infine a volare. Una promessa è una promessa, e le affannose cure del gatto porteranno i loro frutti: in un momento inaspettato, ecco che l’uovo si dischiude e ne esce Fortunata, una piccola gabbiana dalle piume arruffate. Tuttavia crescere in un mondo di gatti può essere duro per un piccolo di gabbiano, specialmente se si crede un gatto e fa di tutto per assomigliare a Zorba, che crede essere la sua “Mamma”!
Domenica 24 marzo ore 16.00 Pantakin da Venezia “L’ABC del Teatro ovvero attraverso lo specchio” con Emanuele Pasqualini, Francesca Botti musiche originali di Carlo Cialdo Capelli. Scene, testo e regia di Marcello Chiarenza.
È uno spettacolo che spiega il teatro. Attraverso la narrazione attoriale, utilizzando i registri del comico e della poesia, incantati dal mondo fantastico che gli oggetti-scenografie-gioco di Marcello Chiarenza sanno creare, porteremo il pubblico in un viaggio carico di domande e cercheremo di farlo ritornare a casa con una valigia piena di risposte. Gli spettatori potranno conoscere il significato e l’origine delle parole del teatro, riconoscerne i luoghi e gli oggetti come platea, sipario, palcoscenico, boccascena, proscenio. Un percorso dall’ingresso all’uscita, attraverso lo specchio di una porta ovvero del sipario... “Come le palpebre il sipario si apre: è un occhio che aspetta di guardarvi negli occhi. Una bocca che aspetta di cantare. Una porta che vi porterà oltre lo specchio in un viaggio nella notte dello spazio e del tempo”.
Destinazione Teatro: spettacoli per le scuole
Giovedì 17 gennaio ore 11.00 La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale presenta “La battaglia dei pedali Gino Bartali un ragazzo controvento”. Drammaturgia e regia di Ketti Grunchi con Aurora Candelli, Francesca Bellini, Julio Escamilla.
Gino Bartali nel settembre del 2013 è stato riconosciuto come “Giusto tra le Nazioni” per il suo impegno come corriere durante l’occupazione tedesca: il ciclista, nascondendo documenti falsi per gli ebrei nella canna e nel sellino della sua bicicletta, salva ottocento persone dalla deportazione nei lager. Tre giovani attori raccontano in modo ironico, poetico e a volte commovente i sogni e le imprese di “Ginettaccio” che incantò l’Italia con la sua bicicletta e le sue meravigliose imprese. Il racconto della vita di un uomo che visse controvento, tenendo segrete fino alla morte le sue imprese più grandi; un invito alla fatica e al coraggio per le nuove generazioni.
Venerdì 8 febbraio ore 11.00 Barabao Teatro presenta “Il giovane Leonardo”. Di e con Romina Ranzato, Ivan Di Noia, musiche originali di Andrea Mazzacavallo. Regia di Cristina Ranzato.
Il piccolo Leonardo vive nel suo splendido villaggio di Vinci e qui, accompagnato da Zio Francesco e Nonna Lucia esplora il mondo che lo circonda con estrema curiosità e vitalità. Nella ridente Toscana Leonardo inizia a studiare i moti dell’aria, dell’acqua, degli animali. E forse proprio a Vinci si sono avviati i suoi studi sul volo? E qui ritraendo la mamma ha ipotizzato la Gioconda? Ma il piccolo genio è figlio illegittimo e nel suo futuro è scritto un avvenire quanto mai faticoso e difficile.
Biglietti
Prevendita presso uffici IAT: Cavallino - Via Fausta 406/A, tel: 041 8626322 - info@cavallino.info
Online su arteven.it e Circuito vivaticket.it 
Vendita il giorno dello spettacolo a partire da un’ora prima dell’inizio presso la Sala Teatro.
Prezzi 
Paolo Hendel: intero € 18,00 - ridotto € 16,00
Per tutti gli altri spettacoli serali: intero € 10,00 - ridotto € 8,00. Riduzioni valide per ragazzi fino a 26 anni e over 65
Spettacoli domenicali: intero € 7,00 - ridotto € 5,00. Riduzioni valide per ragazzi fino ai 14 anni
Spettacoli per le scuole: biglietto unico € 3,00
Abbonamenti: intero € 45,00, ridotto € 40,00 (ragazzi fino a 26 anni e over 65)
Compra due abbonamenti, il secondo è a prezzo ridotto.
Prevendita abbonamenti da martedì 27 novembre a sabato 1 dicembre dalle 16.00 alle 18.30 presso la Sala Teatro.
Info
tel: 041 2909760 (biblioteca comunale)
www.comune.cavallinotreporti.ve.itwww.arteven.itwww.pantakin.it

 
buca lettere babbo natale
cavallino di Natale
 
Ultima Modifica: 10/12/2018