>
Home / Vivi Cavallino Treporti / Archivio Comunicati Stampa / 2016 / Dicembre / CONTINUA A NON CONVINCERE IL PROGETTO DUFERCO-DE PICCOLI

CONTINUA A NON CONVINCERE IL PROGETTO DUFERCO-DE PICCOLI


Cavallino-Treporti, 22 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA

CONTINUA A NON CONVINCERE IL PROGETTO DUFERCO-DE PICCOLI

«L’unica ipotesi per salvare la croceristica per i prossimi 50 anni e coniugare ambiente e lavoro sarebbe il progetto Duferco - De Piccoli? Assolutamente no». Commenta così la sindaco Roberta Nesto alle dichiarazioni di Cesare De Piccoli uscite nella stampa locale in questi giorni. 
Cavallino-Treporti infatti continua a guardare a vista il progetto delle grandi navi da crociera, soprattutto perché le ripercussioni della nuova pianificazione portuale non sono condivisibili da molti. «Un progetto che non condividiamo - dice la sindaco, che ha appoggiato anche la manifestazione del comitato “No grandi navi a Punta Sabbioni” lo scorso settembre. - Un nuovo terminal a Punta Sabbioni non sarebbe proficuo né in termini economici né finanziari per il nostro territorio. Avrebbe effetti devastanti per Cavallino-Treporti perché impattanti per l’ecosistema lagunare e per il modello di sviluppo di Punta Sabbioni, zona già duramente messa a prova dal Mose. Non condivido peraltro il modello di sviluppo turistico che le navi da crociera porterebbero in quanto non creerebbero nuova occupazione. Le ricadute positive sarebbero solo per la marittima e per Venezia. Per il nostro territorio rimarrebbero solo i disagi, traffico e ripercussioni paesaggistiche, senza contare che non si creerebbero nuovi posti di lavoro». 
Nessun beneficio quindi per Cavallino-Treporti e per questo la prima cittadina sta già pensando di indire una nuova riunione con i tecnici e le associazioni. «Con l’anno nuovo incontreremo le categorie maggiormente coinvolte per un’analisi attenta e puntuale, visti gli ultimi risvolti. Non escludo che si potranno valutare alcune azioni, come l’impugnazione del piano Venice Cruise 2.0 ed un eventuale ricorso alla Via regionale. Non vogliamo che questo progetto diventi un altro cantiere a Punta Sabbioni».
La sindaco aggiunge inoltre che sarà presente alla riunione del Comitatone, che sembra indetta entro febbraio, nella quale ribadirà e puntualizzerà la posizione presa